Terapia Familiare

terapia-familiare-giuliana-gellini

Salvaguardiamo la nostra famiglia

La mia preparazione mi porta ad occuparmi dei sintomi di soggetti giovani (bambini, ragazzi, giovani adulti) e delle problematiche vissute dai genitori all’interno delle famiglie. Per intervenire sulle difficoltà di un giovane, chiedo, se possibile, di incontrare la sua famiglia al completo.

Quali possono essere i sintomi giovanili dove il coinvolgimento  terapeutico della famiglia è importante? Anoressia, bulimia, disturbi alimentari in generale, sintomi ossessivi-compulsivi, difficoltà nel rendimento scolastico, problematiche della condotta e  comportamenti aggressivi, incapacità di autonomizzazione giovanile, disturbi d’ansia, disturbi dell’umore, apatia ed incapacità di godere della vita.

La famiglia è un luogo che vede la messa in scena di precisi copioni, non scritti, ma non per questo meno coerenti. Ciascuno dei membri si comporta “come se” rivestisse un ruolo, all’interno di “giochi” specifici.

Osservare le dinamiche familiari e farle osservare ai suoi componenti è fondamentale per la risoluzione delle problematiche individuali, oltre che per favorire la costruzione del benessere familiare.

Cosa significa osservare una famiglia

L’interazione dei membri di una famiglia è data dalla complessità dello scambio interattivo tra madre-padre-figli.  Osservare come si incastrano da una parte la relazione di coppia,  dall’altra la relazione tra genitori e figli,  può far capire il grado di alleanza genitoriale nei confronti delle azioni educative in famiglia. Capiremo come mai non sempre riusciamo a essere efficaci come genitori nel porre regole e farle rispettare.

Negli incontri faccio uso di filmati, in cui vedremo attori professionisti interpretare una famiglia, in situazioni da me sceneggiate. Questo aiuta ad osservare e a riconoscere, con un certo distacco dal coinvolgimento emotivo in prima persona, le dinamiche relazionali e i giochi che avvengono nella propria famiglia.

In molti casi chiedo a genitori e figli di partecipare a specifici giochi strutturati, che riprendo con telecamere. Il video-feedback che viene dato alla famiglia con la visione del filmato aumenta l’efficacia dell’intervento, ed è un modo per stimolare i membri della famiglia a ristrutturare comportamenti poco funzionali.